L’Oud

Oud, Oudh, Aoud, Agarwood, Legno di Agar, Gaharu, Jinko, Eaglewood, Chen Xian, Oro Liquido, Legno degli dei.

Immagine illustrativa di Oud

L’Oud ha un odore deciso, ricco, esotico, animale, mistico, carismatico, carnale, misterioso, sensuale, intrigante e magnificamente caldo. La sua fragranza ancestrale ha attraversato i secoli. L’uomo lo utilizza da millenni. La sua pregiata e rara essenza continua ancora a inebriare le menti e i cuori di interi popoli, dal Medio Oriente al mondo occidentale. Dapprima, nella cultura orientale, era utilizzato come strumento di comunicazione tra l’uomo e Dio. Oggi, nell’arte profumiera, l’essenza di Oud può costare anche 300 mila dollari per un litro. È infatti chiamato anche “oro liquido”.
Poche gocce sprigionano un profumo intenso e danno vita a vere e proprie opere d’arte.

Ma che cos’è l’Oud?

È una resina scura e densa che si forma per essudazione difensiva all’interno di alberi maestosi (soprattutto del Laos, Cambogia e Vietnam) appartenenti alla specie Aquilaria. Quando questi vengono attaccati da funghi, muffe, parassiti, animali o agenti atmosferici violenti, la corteccia e le radici lottano per la sopravvivenza e curano le ferite producendo la meravigliosa resina. L’olio che se ne ricava ha un odore complesso, può essere terroso, liquoroso, balsamico, affumicato, speziato, amaro, caramelloso, legnoso, dolce e profondo. L’Oud è il profumo lussuoso delle “Mille e Una Notte”, dei cieli stellati e della bellezza della cultura araba. È un profumo intensamente ammaliante, aromatico, affascinante, paradisiaco. Quando entra nella tua vita, è per sempre. La sua scia è irresistibile.

Perchè è così costoso?

È costoso innanzitutto perché il processo di formazione di questa resina dura decenni.
Occorrono chili di corteccia per ricavare pochi millilitri di olio essenziale.
Le zone di raccolta sono spesso habitat impervi e difficili da raggiungere.
Gli alberi di Aquilaria sono oggi fortunatamente protetti e l’industria profumiera deve rispettare le regolamentazioni dei governi locali.

Montale, il Re degli Oud

Montale e il lancio di Fantastic Oud